Vigneti

lijntekening glas en fles test.png

CUORE DEL PIEMONTE

I nostri vigneti sono situati nel cuore del Piemonte, sulle colline del Monferrato e non lontano dal fiume Tanaro. Questa zona è caratterizzata da splendidi terreni di gesso bianco e terriccio, ideali per la coltivazione di uve di qualità. Grazie ad una meticolosa scelta del portainnesto adeguato, i nostri fertili suoli di gesso e argilla donano ai nostri vitigni diversità eccezionali.

I vigneti di iDivini si trovano in una zona dichiarata Patrimonio culturale dell’umanità Unesco, dunque possiamo dire tranquillamente di trovarci nel “cuore del Piemonte”.

 

Siamo inoltre molto orgogliosi di poter annoverare tra i nostri vicini nomi celebri quali Alba, Nizza Monferrato, Barollo, Barbaresco e indubbiamente Asti.

 

LAVORARE L’UVA CON AMORE

Una scelta per noi fondamentale è stata quella di mantenere i vigneti vicino alla cantina: grazie a questa decisione, il percorso tra luogo di raccolta delle uve e cantina è breve, in tale modo possiamo garantire una filiera corta e controllata. Questo forma una base ottimale per l’inizio del processo di vinificazione.

 

UN VINO PURO

La produzione di vini puri inizia in primo luogo nel terreno. Pertanto, noi di iDivini rinunciamo espressamente all’uso di insetticidi o erbicidi. Certo, questo richiede un po’ più di lavoro manuale sul campo, ma quello che conta e che ci rende felici è il risultato: un prodotto puro e onesto.

 

VARIETÀ LOCALI DI UVA

Per la scelta del vitigno preferiamo le varietà autoctone evitando uve di altri territori. Barbera, Freisa, Pinot Nero e Nebbiolo sono uve che si prestano perfettamente sia ad un vino in purezza che ad un vino risultante da più uve sapientemente unite.

La nostra ricerca per un prodotto unico è continua ed intensa. Possiamo citare per esempio il Metodo Classico Brut del nostro Pinot Nero speziato in combinazione con il Cortese fruttato, ma anche l’elegante Piemonte Cortese DOC, vini che sono il risultato della coltivazione di queste uve nei nostri terreni

IMG_1341.JPG